Scoliosi: approfondimenti

SEAS

SEAS significa Approccio Scientifico con Esercizi alla Scoliosi. Non è un metodo ma è un protocollo di esercizi descritto e analizzato nel testo Approccio di Isico alle deformità vertebrali, un approccio in continua evoluzione grazie alle conoscenze e alle evidenze scientifiche che ISICO costruisce attraverso la ricerca.
Il  protocollo è utilizzato per pazienti con scoliosi minori ed è il primo passo per cercare di evitare il corsetto. Per i pazienti in cura con corsetto, gli esercizi SEAS hanno l'obiettivo di supportare il mantenimento della correzione raggiunta.
E’ importante capire che nelle scoliosi evolutive gli esercizi non possono in alcun modo sostituirsi al corsetto, ma in associazione all’ortesi consentono di evitare gli effetti dannosi del corsetto, di aumentarne l'efficacia e di mantenere il rachide stabile durante e dopo la rimozione del corsetto.

In pratica: cura alla scoliosi

In ISICO i piani di esercizi SEAS vengono sviluppati da un fisioterapista appositamente formato e specializzato. Gli esercizi si basano su una forma attiva di autocorrezione: questo significa che il paziente deve raggiungere il massimo della correzione che può acquisire in quel momento della sua patologia in tutti e tre i piani di deformità, mentre gli esercizi stessi cambiano regolarmente e vengono adattati in base alle esigenze individuali.

Una caratteristica della SEAS è la sua "modernità": nata negli anni '80 (pur provenendo da una storia risalente alla scuola lionese degli anni '60), applica tecniche più efficaci in termini di apprendimento. All'interno di una specifica autocorrezione individualizzata per ogni curva e per ogni istante del trattamento, gli esercizi vengono appositamente variati e aggiornati continuamente per evitare la noia e stimolare sempre di più il nostro sistema nervoso e la nostra colonna.

La SEAS richiede delle sedute di apprendimento, che variano da 60 a 120 minuti, concadenza mensile, bimestrale o trimestrale, a seconda della fase del trattamento. Dopo tali sedute i pazienti possono essere seguiti presso centri riabilitativi o palestre vicino a casa o a domicilio da un personal trainer, oppure svolgere gli esercizi autonomamente a casa.

Il piano di lavoro viene prescritto due-tre volte la settimana per 45 minuti e ogni due o tre mesi viene controllato presso il Centro e aggiornato in base alla crescita, alle capacità acquisite e all'evoluzione della scoliosi.

L’approccio Seas, offre la possibilità di apprendere una metodologia da applicare a domicilio o vicino a casa propria, senza doversi ogni volta recare al Centro di riferimento per la terapia. Questo consente di ridurre sensibilmente i costi, associando laqualità (appresa presso i nostri Centri) alla comodità (esercizi a domicilio o vicino a casa).

Un’attenta valutazione clinica e neuromotoria da parte del medico è alla base della scelta degli esercizi specifici per ogni paziente.

 

Evidenze scientifiche del protocollo

In base ai risultati raccolti i ricercatori Isico hanno provato l’efficacia dell’utilizzo del protocollo Seas rispetto a pazienti che hanno seguito altri trattamenti (i risultati sono stati pubblicati in letteratura scientifica internazionale). 
Le evidenze scientifiche hanno dimostrato che gli esercizi sono in grado di ridurre il ricorso al corsetto e in caso di pazienti con corsetto assicurano il mantenimento della correzione raggiunta.
Proprio su quest’ultimo tema un lavoro clinico di Isico si è aggiudicato il SOSORT Clinical Research Award 2008, il premio mondiale più importante nell’ambito del trattamento conservativo della scoliosi.