Vincitori 2009

ISICO Award 2009 è stato finanziato da Hakomed Italia

 

 

 

 

 

 

Primo premio 
 

Di Iorio A, Abate M, Guralnik JM, Bandinelli S, Cecchi F, Cherubini A, Corsonello A, Foschini N, Guglielmi M, Lauretani F, Volpato S, Abate G, Ferrucci L.
Dalla lombalgia cronica alla disabilità, un percorso multifattoriale mediato: lo studio InCHIANTI.
Spine. 2007 Dec 15;32(26):E809-15.

 

Abstract

Introduzione. Il dolore cronico in regione lombare (DCL) provoca una riduzione della performance fisica; le ripercussioni di tale quadro clinico si manifestano nei soggetti giovani soprattutto con una riduzione della attività lavorativa, mentre negli anziani con una ridotta capacità funzionale, anticamera della disabilità. Tuttavia il percorso che dalla patologia conduce alla disabilità franca è molto complesso ed è influenzato da numerosi fattori. Gli effetti del DCL sono stati studiati utilizzando come outcome la disabilità nelle attività di base e strumentali del vivere quotidiano; poco conosciuto è invece il meccanismo attraverso il quale il DCL può determinare la disabilità stessa. Obiettivo del nostro lavoro è stato quello di valutare l’associazione tra DCL e la riduzione della performance fisica che determina in ultima analisi una ridotta autonomia nelle comuni attività del vivere quotidiano.

Metodi. I dati sono stati estrapolati dallo Studio InCHIANTI condotto nei pressi di Firenze. Sono stati arruolati circa 1200 soggetti ultrasessantacinquenni, rappresentativi per età e sesso della realtà italiana. Il protocollo prevedeva una intervista domiciliare, una valutazione clinico-strumentale, un prelievo di laboratorio, una visita medica ed una seduta per valutare la performance fisica. Escludendo coloro che non avevano tutte le variabili di interesse per l’analisi, il campione era costituito da 956 soggetti. Sulla base di un questionario strutturato sono stati individuati i soggetti che presentavano un DCL. La performance fisica è stata studiata mediante la Short-Physical-Performance-Battery e mediante alcuni test complessi che valutavano la velocità del cammino. Sono inoltre stati valutati il tono dell’umore, la flessibilità del tronco ed il dolore ad altre articolazioni.

Risultati. Il DCL era presente in circa il 30% del campione studiato, con una maggiore prevalenza del sesso femminile (p<0.001). Come ci si poteva aspettare in questo gruppo di soggetti era presente una alta percentuale di disabilità in molte attività della vita quotidiana. Nei soggetti che riferivano DCL la performance fisica era significativamente ridotta, al contrario della flessibilità del tronco che seppure diminuita non raggiungeva la significatività. Dopo aggiustamento per età, sesso e performance fisica solo “fare e portare la spesa” era l’unico item ancora significativamente associato con il DCL. Conclusioni. L’associazione tra DCL e disabilità è mediata in molti item dalla riduzione della performance fisica. L’unico item in cui l’effetto della performance e della flessibilità non riesce a modificare l’associazione tra DCL e disabilità è quello di "effettuare la spesa", suggerendo che tale disabilità potrebbe essere sostenuta anche da patologie che colpiscono altre articolazioni come quelle degli arti superiori.

 

 

Gli altri vincitori

 

Masiero S, Carraro E, Celia A, Sarto D, Ermani M.
Prevalenza della lombalgia negli scolari tra i 13 ed i 15 anni. 
Acta Paediatr. 2008 Feb;97(2):212-6. Epub 2008 Jan 3.

 

Marini M, Sgombati E, Barni E, Piazza M, Monaci M
Sindromi dolorose nelle ginnaste di alto livello. Ruolo di una attività  preventivo-compensativa specifica.
Ital J Anat Embryol. 2008 Jan-Mar;113(1):47-54.

 

Mongini F, Ciccone G, Rota E, Ferrero L, Ugolini A, Evangelista A, Ceccarelli M, Galassi C.
Efficacia di un programma educativo e fisico nel ridurre cefalea e dolore cervicale e della spalla: uno studio controllato sul lavoro.
Cephalalgia. 2008 May;28(5):541-52. Epub 2008 Mar 3.