Notizie da Isico

A giugno indossa il verde: è il mese della scoliosi

La campagna è partita dagli Stati Uniti, organizzata dalla Scoliosis Research Society, la più antica società scientifica che si occupa di scoliosi, fondata nel 1966: obiettivo è sensibilizzare sulla scoliosi, offrendo strumenti per riconoscerla e affrontare la terapia. C'è un fiocco verde a caratterizzare la campagna tutto il mese e una giornata, il 24 giugno, in cui indossare il verde in tutto il mondo e raccontare la propria storia, personale o di un amico o familiare per diffondere la consapevolezza sull'esistenza di questa patologia. 
Tutti possono partecipare alla campagna, proprio come abbiamo deciso di fare noi di Isico: condividere il fiocco verde sul proprio profilo social o postare la propria partecipazione o ancora la propria foto o storia sono tutti modi per far conoscere questa patologia. Perché conoscerla è già un primo importante passo verso il suo riconoscimento, a volte troppo tardivo per poter intervenire con una terapia adeguata. 
La scoliosi è un nemico da affrontare un gradino alla volta, cominciando il prima possibile e in maniera corretta, per evitare peggioramenti e correggere quanto possibile la curva: la maggior parte delle scoliosi, circa l'80% sono idiopatiche, un termine medico per dire che non se ne conoscono le cause. La scoliosi colpisce il 3% dei bambini in fase di crescita, in prevalenza femmine.


Dalla scoliosi non si guarisce e l'obiettivo finale non è avere una schiena dritta, ma ottenere dei miglioramenti estetici e prevenire possibili problemi nell'età adulta; ricordiamo inoltre  che la scoliosi non impedisce di condurre tutte le normali attività (per cominciare da quelle sportive fino a una normale gravidanza e parto).
L'estate è uno di quei momenti in cui è più facile osservare le schiene dei propri figli, in piscina o in spiaggia.

Come fare un controllo? Chiedete a vostro figlio di piegarsi in avanti, con le gambe tese e le braccia a penzoloni, così potrete verificare se un lato del tronco è più alto dell'altro. In caso ci sia qualche segno sospetto rivolgetevi a uno specialista. 
Ricordate: segnate in verde il mese di giugno e lasciate anche voi il vostro segno verde il 24 di giugno!