Breadcrumbs

Dorso curvo - Ipercifosi

Il dorso curvo (o ipercifosi) è un’accentuazione della cifosi, curva fisiologica dorsale della colonna vertebrale. Si localizza nella parte bassa della colonna e può provocare dolori in età adulta.

Nella forma più grave, oltre al danno estetico, provoca uno schiacciamento anteriore delle vertebre e un danno respiratorio. 

E' talvolta localizzato nella parte bassa della colonna e viene chiamato anche “cifosi dorso-lombare”. A differenza della scoliosi, dà luogo più facilmente a dolori vertebrali in età adulta, in particolare nelle cifosi dorso-lombari.

Cause del dorso curvo - ipercifosi

Nella maggior parte dei casi l'ipercifosi è riconducibile a una postura scorretta, spesso di origine familiare, che può essere corretta con facilità durante la crescita. Non è detto che se il papà e il nonno hanno un antiestetico dorso curvo, e di conseguenza spesso mal di schiena e male al collo, anche il figlio lo debba avere: si può migliorare con il passare delle generazioni.
In questo caso non si tratta di una patologia ma di una cattiva postura. 
In altri casi, ci può essere un problema di crescita delle vertebre, che si chiama osteocondrosi, od osteocondrite, o morbo di Scheuermann: le vertebre invece di crescere come dei cubetti, diventano dei cunei e questo facilita l’incurvamento in avanti, con l'incremento della cifosi. Cuneizzandosi, la vertebra continua ad essere sempre più schiacciata anteriormente. In questi casi si deve spingere da dietro, aprire lo spazio anteriormente per "dare aria" ai nuclei di accrescimento e consentire una crescita corretta.

 

Riconoscimento ed evoluzione

Anche il dorso curvo, come la scoliosi, si manifesta con segni particolari, che devono essere valutati con attenzione dal medico specialista, per poter fare una diagnosi corretta. 
Per distinguere un dorso curvo (vera malattia) da un atteggiamento cifotico (difetto di postura) è sufficiente far eseguire un’estensione (raddrizzamento) della colonna verso l’alto: se la colonna dorsale è rigida e la cifosi non si rettilineizza completamente è presente un dorso curvo (vera malattia), se invece si raddrizza è un atteggiamento cifotico (solo difetto di postura).

Anche il dorso curvo, come la scoliosi, è chiamato “dell’adolescenza” perché si aggrava soprattutto nel periodo della crescita, e in modo particolare in corrispondenza della spinta puberale (10-13 anni nelle femmine, 12-15 anni nei maschi), fino al termine della maturazione ossea (1-2 anni dopo il termine della crescita staturale).

In 8 casi su 10 il dorso curvo si aggrava nel sesso maschile.

La visita in Isico

I nostri specialisti prendono delle misurazioni durante la visita che consentono di ridurre al minimo le radiazioni che si prenderebbero ripetendo invece continuamente le radiografie. Tenendo inoltre conto che in caso di dorso curvo le misurazioni di superficie sono spesso molto più affidabili per quello che è il problema spesso principale per il paziente: quello estetico.

Da noi i medici misurano le radiografie: ricordate che questo è un test per capire se si è capitati dal medico esperto di colonna, che misurerà sempre le radiografie in caso di ipercifosi.

 

Cifosi: cura e trattamento

 

In Isico la cifosi viene trattata con il nostro approccio di trattamento con esercizi (SEAS), un primo step da affiancare nei casi più gravi al corsetto.

In pratica

In ISICO i piani di esercizi SEAS vengono sviluppati da un fisioterapista appositamente formato e specializzato. Gli esercizi si basano su una forma attiva di autocorrezione: questo significa che il paziente deve raggiungere il massimo della correzione che può acquisire in quel momento della sua patologia in tutti e tre i piani di deformità, mentre gli esercizi stessi cambiano regolarmente e vengono adattati in base alle esigenze individuali.

Una caratteristica della SEAS è la sua "modernità": nata negli anni '80 (pur provenendo da una storia risalente alla scuola lionese degli anni '60), applica tecniche più efficaci in termini di apprendimento. All'interno di una specifica autocorrezione individualizzata per ogni curva e per ogni istante del trattamento, gli esercizi vengono appositamente variati e aggiornati continuamente per evitare la noia e stimolare sempre di più il nostro sistema nervoso e la nostra colonna.

La SEAS richiede delle sedute di apprendimento, che variano da 60 a 120 minuti, concadenza mensile, bimestrale o trimestrale, a seconda della fase del trattamento. Dopo tali sedute i pazienti possono essere seguiti presso centri riabilitativi o palestre vicino a casa o a domicilio da un personal trainer, oppure svolgere gli esercizi autonomamente a casa.

Il piano di lavoro viene prescritto due-tre volte la settimana per 45 minuti e ogni due o tre mesi viene controllato presso il Centro e aggiornato in base alla crescita, alle capacità acquisite e all'evoluzione della scoliosi.

L’approccio Seas, offre la possibilità di apprendere una metodologia da applicare a domicilio o vicino a casa propria, senza doversi ogni volta recare al Centro di riferimento per la terapia. Questo consente di ridurre sensibilmente i costi, associando laqualità (appresa presso i nostri Centri) alla comodità (esercizi a domicilio o vicino a casa).

Un’attenta valutazione clinica e neuromotoria da parte del medico è alla base della scelta degli esercizi specifici per ogni paziente.

Come agire per combatterla?

  • 1

    La visita dello specialista

    Si prendono le misurazioni delle radiografie

  • 2

    La diagnosi corretta

    Va distinto il dorso curvo da un atteggiamento cifotico: basta far eseguire un'estensione della colonna verso l'alto

  • 3

    La terapia

    Il medico della colonna prescriverà se necessario un corsetto e un adeguato piano di esercizi